TIM porta a Poggibonsi la fibra ottica ultraveloce.

26-04-2021   Caterina Cicalese News

La città toscana è stata inserita nel piano nazionale di cablaggio in tecnologia FTTH di FiberCop - la nuova società infrastrutturale del Gruppo TIM - per rendere disponibili connessioni fino a 1 Gigabit/s

L’investimento stimato di TIM è di circa 3,5 milioni di euro. I lavori sono già iniziati in molte zone della città e interesseranno oltre 9.500 unità immobiliari

Al via il processo di trasformazione digitale del distretto industriale grazie anche ai servizi di ultima generazione per la filiera produttiva

TIM ha avviato a Poggibonsi un innovativo piano di cablaggio che, con un investimento stimato di circa 3,5 milioni di euro e in sinergia con l’Amministrazione comunale, porta la fibra ottica fino alle abitazioni per rendere disponibili collegamenti ultraveloci fino a 1 Gigabit/s. La città toscana, infatti, è stata inserita nel programma nazionale di copertura di FiberCop, la nuova società del Gruppo TIM che ha l’obiettivo di realizzare la rete di accesso secondaria in fibra ottica nelle aree nere e grigie del Paese per sviluppare soluzioni FTTH (Fiber To The Home) secondo il modello del co-investimento ‘aperto’ previsto dal nuovo Codice Europeo delle Comunicazioni Elettroniche.   

 

Gli interventi per la realizzazione della nuova rete sono già iniziati in molte zone della città, in modo da rendere i servizi progressivamente disponibili, con l’obiettivo di collegare circa 9.500 unità immobiliari alla conclusione del piano. 

Per la posa della fibra ottica saranno utilizzate, laddove possibile, le infrastrutture già esistenti. Nel caso sia necessario effettuare scavi, questi saranno realizzati adottando tecniche innovative a basso impatto ambientale, con interventi sulla sede stradale di circa 10-15 centimetri. TIM opererà in partnership con l’Amministrazione comunale per limitare il disagio ai Cittadini e procedere speditamente con la realizzazione della nuova rete.

Grazie a questo piano, Poggibonsi sarà dotata di una rete in fibra ottica ancora più performante di quella che già oggi è a disposizione di cittadini e imprese grazie alla tecnologia FTTCab, che rende disponibili collegamenti fino a 200 megabit per 11.800 unità immobiliari, pari al 95% delle linee del comune.

 

La nuova rete super-veloce consentirà di accelerare i processi di digitalizzazione sul territorio, a beneficio di cittadini, imprese e pubblica amministrazione, e di assecondare al meglio le esigenze professionali anche legate allo smart working e alla didattica a distanza.

Particolare attenzione verrà dedicata al percorso di digitalizzazione del distretto industriale dei beni per la casa di Poggibonsi. Grazie alle tecnologie innovative di TIM, di Noovle e di Olivetti, Poggibonsi diventerà uno dei primi “Smart District” d’Italia, in cui tutte le aziende avranno a disposizione un’infrastruttura di rete e servizi di ultima generazione che ne accompagneranno il processo di trasformazione digitale, indispensabile per promuoverne la competitività. In particolare, la filiera produttiva potrà avvantaggiarsi di soluzioni di automazione, di manutenzione da remoto in tempo reale, ma anche di tecnologie per la gestione della logistica, fino a soluzioni per il controllo di filiera tramite blockchain. Con questa iniziativa, TIM si conferma come partner tecnologico di riferimento per favorire lo sviluppo del sistema socioeconomico locale, in una logica di sostenibilità e resilienza, coinvolgendo aziende, pubbliche amministrazioni, lavoratori e cittadini.

“Sono lavori di cablatura importanti, ancor più perché porteranno ad investire anche in aree dove la rete non è presente. A migliorare quindi sarà non solo la potenza ma anche la diffusione stessa dell’infrastruttura – dichiara David Bussagli, sindaco di Poggibonsi –. Una infrastruttura importante nel percorso di progressiva digitalizzazione che è fondamentale per rispondere alle legittime esigenze dei cittadini, delle imprese, delle scuole e della comunità tutta in termini di servizi, lavoro, svago”.

“Grazie agli ingenti investimenti fatti da TIM e alla proficua collaborazione con l’Amministrazione comunale, Poggibonsi rientra in un ambizioso progetto che si propone di realizzare su tutto il territorio nazionale una rete interamente in fibra – dichiara Ernesto Bianchi, Responsabile Field Operations Line Toscana Est di TIM -. Si tratta di un’infrastruttura in grado di erogare volumi di traffico sempre maggiori e con una qualità elevatissima che consentirà a Poggibonsi di fare un passo importante sulla strada dell’innovazione. A beneficiarne saranno le imprese locali che avranno accesso a tutti i servizi digitali necessari allo sviluppo del proprio business e i cittadini per i quali disporre di collegamenti ultraveloci è un aspetto fondamentale per migliorare la qualità della vita”.

***

FiberCop è la nuova società infrastrutturale controllata da TIM (al 58%) insieme a KKR Infrastructure (37,5%) e Fastweb (4,5%) che ha come obiettivo la digitalizzazione del Paese tramite lo sviluppo di connessioni ad alte prestazioni in fibra ottica.

FiberCop opera in linea con il modello di coinvestimento aperto a tutti gli operatori, rappresentando il primo caso in Europa di applicazione su scala nazionale delle direttive dell’Unione Europea.

Fornisce agli operatori servizi di accesso passivi in fibra ottica e servizi evoluti, operando con la massima efficienza e tutela delle persone e dell’ambiente.

FiberCop è dotata di un asset di rete che già oggi offre collegamenti UBB ad oltre il 90% della popolazione grazie alle tecnologie FTTC e FTTH. La società proseguirà la copertura FTTH, con velocità di connessione superiori a 1 Gigabit. L’obiettivo è raggiungere, entro il 2025, il 76% delle unità immobiliari delle aree grigie e nere, corrispondente ad una copertura del 56% delle unità immobiliari tecniche del Paese. La rete interamente in fibra ottica di FiberCop raggiungerà oltre 16 milioni di unità immobiliari.

 

L’operazione contribuirà in maniera determinante alla riduzione del digital divide in Italia, permettendo un’accelerazione del passaggio dei clienti da rame a fibra.

 

FONTE: GRUPPO TIM